Vai al contenuto

les FRENCH DAYS sont bientôt finis

Quali sono i benefici del CBD

Il CBD è senza dubbio LA molecola alla moda, il mercato si sta sviluppando ad alta velocità, al CBD vengono attribuite molteplici virtù, tanto da credere che questa molecola possa agire su tutti i disturbi. Proviamo a fare il punto sullo stato attuale delle conoscenze e sui reali benefici del CBD.

Qu’est-ce que le CBD ? 

Le CBD (ou cannabidiol) est une molécule provenant de la plante du chanvre, également nommée cannabis. Il s’agit du second cannabinoide le plus étudié après le THC (tétrahydrocannabinol), la principale molécule active du cannabis.

Le CBD et le THC appartiennent ainsi à la même famille des cannabinoides, mais agissent différemment sur le corps humain.

Le THC est très recherché par les consommateurs pour ses effets psychotropes ou « planants », alors que le CBD est plutôt apprécié pour ses vertus thérapeutiques. Ce dernier ne constitue en rien une substance récréative ou néfaste.

Ne provoquant pas d’effets psychoactifs, le CBD n’est pas considéré comme un stupéfiant et n’est pas dangereux pour la santé. Sa consommation est donc légale en France. En effet, le cannabidiol bénéficie de la législation applicable au chanvre dont le taux de THC reste inférieur à 0,3%.

En agissant sur le système endocannabinoide de l’organisme, le CBD serait un remède naturel et efficace pour favoriser le bien-être mental et physique. En effet, il aiderait à soulager les troubles de sommeil, le stress émotionnel et l’anxiété, les inflammations ou encore les inconforts physiques.

1. Può alleviare il dolore:

Il CBD tende a interagire con un'ampia gamma di proteine ​​nel sistema nervoso centrale e nel corpo, compresi i componenti del sistema endocannabinoide (ECS), come i recettori CB1 nel sistema nervoso centrale e nel cervello, nonché i recettori dei cannabinoidi CB2 nel sistema immunitario e nella milza.

Il THC si lega fortemente a questi recettori, ma il CBD ha l'effetto opposto. Il CBD inibisce l'assorbimento di una molecola cannabinoide naturale chiamata anandamide, che regola il dolore ed è correlato a sentimenti di felicità e benessere.

La ricerca ha scoperto che il CBD tende a colpire i recettori della glicina alfa-3 per ridurre l'infiammazione e sopprimere il dolore cronico, che è associato a recettori della glicina disfunzionali, responsabili del trattamento mirato del dolore nella colonna vertebrale.

Il British Journal of Pharmacology ha pubblicato uno studio del 2014[1] in cui ha scoperto che le proprietà analgesiche del CBD sono mediate attraverso il recettore TRPV1, concludendo quindi che il CBD potrebbe essere utilizzato come alternativa farmacologica nel trattamento del dolore cronico correlato ad alcune malattie.

Il Journal Neurotwoxology ha pubblicato un altro studio [2] nel numero di settembre 2015 in cui ha scoperto che il CBD inibisce anche i livelli di glutammato nel midollo spinale e nel cervello. Il glutammato è associato alla trasmissione e all'aumento della sensazione di dolore.

Un crescente numero di ricerche cerca di dimostrare che il CBD è un metodo di trattamento efficace per un’ampia gamma di condizioni legate al dolore.

Conclusione: anche se sono in corso numerosi studi, attualmente in Francia non è autorizzato ad affermare che il CBD possa ridurre il dolore. Infatti, poiché il CBD è considerato un nuovo prodotto, attualmente non ha alcuna indicazione sulla salute autorizzata.

2 . Può ridurre l'infiammazione:

Il Journal of Experimental Medicine ha pubblicato uno studio [3] che ha dimostrato che il CBD potrebbe ridurre significativamente l’infiammazione cronica e il dolore in alcuni ratti e topi. Secondo l’indagine, i composti non psicoattivi del CBD potrebbero aiutare ad alleviare l’infiammazione.

Pertanto, il CBD ha un effetto antinfiammatorio perché quando i cannabinoidi interagiscono con il sistema endocannabinoide presente nella maggior parte degli organi del corpo, l’infiammazione viene sistematicamente ridotta. Poiché l’infiammazione è implicata in molte malattie, il potenziale terapeutico del CBD può essere significativo.

Conclusione: Parzialmente efficace – La ricerca accademica dimostra che il CBD può aiutare a ridurre l’infiammazione, tuttavia saranno necessari ulteriori studi per convalidare questo fatto.

3. Aiuta a mantenere una buona salute del cervello:

I cannabinoidi sono neuroprotettivi, nel senso che aiutano a mantenere e regolare la salute del cervello. L'effetto è il risultato di diverse azioni che i cannabinoidi esercitano sul cervello, come il miglioramento dell'efficienza dei mitocondri e l'eliminazione delle cellule danneggiate.

Il CBD e alcuni dei composti antiossidanti presenti nella cannabis aiutano anche a ridurre la tossicità del glutammato. Il glutammato in eccesso stimola le cellule nervose [4] nel cervello, provocandone l'attivazione, causando un'eccessiva stimolazione delle cellule, che alla fine potrebbe portare al danno cellulare o alla morte.

Pertanto, i cannabinoidi proteggono dai danni alle cellule cerebrali e mantengono il cervello sano e funzionante correttamente. Il CBD ha anche un effetto antinfiammatorio sul cervello.

Risposta: Purtroppo non ci sono prove. Mancano ricerche accademiche sufficienti a sostenere che il CBD aiuta a mantenere la salute del cervello.

4. Può alleviare l'ansia e la depressione:

Ansia e depressione colpiscono ogni anno sempre più persone.

In generale, i medici consigliano alle persone con ansia cronica di evitare la marijuana perché il THC può scatenare la paranoia o aumentare l’ansia. Tuttavia, il CBD può aiutare sia contro l’ansia che contro la depressione se il livello di THC è limitato allo 0,03%.

Secondo una recensione pubblicata nel 2015 sulla rivista Neurotherapeutics [5], il CBD è un composto non psicoattivo che può aiutare a ridurre l'ansia e ad affrontare alcuni disturbi comportamentali legati all'ansia come il disturbo d'ansia generalizzato e il disturbo da stress post-traumatico (PTSD). , disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), disturbo d'ansia sociale, disturbo di panico e disturbi da uso di sostanze.

Tuttavia, non esiste alcuna ricerca umana; queste conclusioni sono state tratte da studi clinici, ricerche sperimentali e studi epidemiologici.

Il CBD è stato studiato anche per aiutare a ridurre la depressione. Il CBD migliora sia la segnalazione corticale serotoninergica che quella del glutammato, cosa che manca alle persone depresse. Gli studi incentrati sull’uso dell’olio di CBD per trattare la depressione [6] hanno mostrato risultati promettenti.

Conclusione: è vero: la ricerca accademica tende a dimostrare che il CBD può aiutare ad alleviare l'ansia e la depressione.

Testo

Testo

les gummies au cbd permettent de lutter efficacement contre le stress et l'anxiété avec gourmandise

Testo

Testo

Testo

Testo

Attribuiamo molte altre virtù a questa molecola ma la ricerca non è ancora sufficientemente completa per confermare la maggior parte dei benefici attribuiti al CBD . Siamo solo all'inizio delle ricerche su questa molecola, l'unica cosa che possiamo dire con certezza è che questa preziosa molecola appare promettente in molteplici campi d'azione.

Se vuoi provare i benefici del CBD, Délicure offre un'ampia gamma di prodotti al CBD: le caramelle gommose al CBD , i nostri oli biologici al CBD e le nostre caramelle al CBD possono essere anche preziosi aiuti per la gestione dello stress.

Attenzione a non confondere CBD e THC , quest'ultimo è considerato narcotico e quindi illegale.

fonti

1, 21 Barbara Costa, Gabriella Giagnoni, Chiara Franke, Anna Elisa Trovato e Mariapia Colleoni (2004) Il recettore vanilloide TRPV1 media l'effetto antiperalgesico dei farmaci non psicoattivi

  1. Pedro H. Gobira, Luciano R. Vilela, Bruno DC Gonçalves, Rebeca P. M. Santos, Antonio C. de Oliveira, Luciene B. Vieira, Daniele C. Aguiar, José A. Crippa, Fabricio A. Moreira (2015) Cannabidiol, a Cannabis costituente sativa, inibisce le convulsioni indotte dalla cocaina nei topi: possibile ruolo della via mTOR e riduzione del rilascio di glutammato. ScienceDirect [online]12. DC Hammell LP Zhang F. Ma SM Abshire SL McIlwrath AL Stinchcomb KN Westlund. (2015). Il cannabidiolo transdermico riduce l’infiammazione e i comportamenti legati al dolore in un modello di artrite nel ratto. [in linea] Giornale britannico di farmacologia
  2. Xiong, W., Cui, T., Cheng, K., Yang, F., Chen, S.-R., Willenbring, D., Guan, Y., Pan, H.-L., Ren, K. , Xu, Y. e Zhang, L. (2012). I cannabinoidi sopprimono il dolore infiammatorio e neuropatico prendendo di mira i recettori α3 della glicina. The Journal of Experimental Medicine, [online] 209(6), pp.1121–1134.
  3. Rivista sullo stile di vita consapevole. (2017). Le chiavi per la salute del cervello: 10 integratori e abitudini che potenziano il tuo cervello.
  4. Ibeas Bih, C., Chen, T., Nunn, AVW, Bazelot, M., Dallas, M. e Whalley, BJ (2015). Obiettivi molecolari del cannabidiolo nei disturbi neurologici. Neuroterapeutica, 12(4), pp.699–730.
    6. Zanelati, T., Biojone, C., Moreira, F., Guimarães, F., e Joca, S. (2009). Effetti antidepressivi del cannabidiolo nei topi: possibile coinvolgimento dei recettori 5-HT1A. British Journal of Pharmacology, 159(1), pp.122–128.