Vai al contenuto

le GIORNATE FRENCH sono quasi finite

Articolo: Come prendersi cura del proprio cuoio capelluto?

Astuces pour purifier et assainir le cuir chevelu
Beauté

Come prendersi cura del proprio cuoio capelluto?

La bellezza dei capelli dipende, in gran parte, dalla salute del cuoio capelluto. È quindi fondamentale coccolarlo per preservare la salute dei capelli .

Un cuoio capelluto sano fornisce capelli più forti e più spessi; mentre un cuoio capelluto irritato o danneggiato indebolisce i capelli, che diventano anche più fini e opachi.

Come la pelle, il cuoio capelluto può reagire a diversi fattori della vita quotidiana. Possono quindi comparire forfora , senso di oppressione, prurito o addirittura secchezza.

Prima di trattare il cuoio capelluto è necessario conoscerne la natura e comprenderne le reazioni.

  

Cuoio capelluto

 

Il cuoio capelluto è una parte della pelle che ricopre il cranio, sulla quale crescono i capelli. In media ospita tra 100.000 e 200.000 capelli.

Svolge diversi ruoli importanti, il cuoio capelluto infatti è una barriera fisica contro gli attacchi esterni, una protezione immunologica e un isolante termico.

Il cuoio capelluto è costituito da numerosi follicoli piliferi che producono capelli . Sono collegati alle ghiandole sebacee, che svolgono un ruolo essenziale per la bellezza dei capelli e della pelle, producendo e sintetizzando il sebo. Miscelato con il sudore, forma sul cuoio capelluto uno strato protettivo ricco di lipidi, chiamato “film idrolipidico”, che rende i capelli elastici e lucenti.

Il cuoio capelluto è dotato anche di ghiandole sudoripare che hanno il ruolo di secernere il sudore e di attuare il meccanismo della traspirazione.

Il cuoio capelluto è irrigato da un gran numero di vasi sanguigni, il che può essere spiegato dall’elevata densità di follicoli piliferi. Possiede inoltre terminazioni nervose, che lo rendono molto sensibile al contatto e all'ambiente.

Come la pelle , il cuoio capelluto è formato da tre strati che si sovrappongono dalla superficie alla profondità: l'epidermide, il derma e l'ipoderma.

In media, il ricambio cellulare del cuoio capelluto dura due settimane, ma può essere accelerato in caso di infiammazione.

 

 

Cause di un cuoio capelluto malsano

Diversi fattori possono causare disturbi del cuoio capelluto:

  

Un parassita chiamato “Malassezia Globosa”

La “Malassezia Globosa” è un microrganismo naturalmente presente nel cuoio capelluto. Si nutre del sebo secreto sulla superficie del cuoio capelluto.

In alcune persone, questo parassita può essere irritante. Può infatti indebolire la funzione protettiva dell’epidermide e provocare infiammazioni e/o prurito. In risposta, il cuoio capelluto accelera il rinnovamento cellulare, che favorisce la proliferazione della forfora.

Una temperatura troppo alta

Una delle principali cause di rottura del cuoio capelluto è la sudorazione. Sottoposto ad una temperatura troppo elevata può diventare molto irritante.

Indossare un cappello aumenta la temperatura del cuoio capelluto e porta ad una maggiore traspirazione.

 

Inquinamento

L'inquinamento ha un impatto negativo sull'equilibrio e sulla salute del cuoio capelluto. Le particelle inquinanti sospese nell’aria, infatti, si depositano e soffocano il cuoio capelluto.

Quando il cuoio capelluto non riesce a respirare, secerne sebo in eccesso per proteggersi. Il cuoio capelluto quindi si reingrappa più rapidamente, i capelli diventano quindi unti , lucenti e appiccicosi.

Lo stile di vita

Una cattiva alimentazione, un periodo di stress, il consumo di tabacco, il ciclo mestruale... tutti questi fattori influenzano l'organismo così come la qualità del cuoio capelluto.

Infine, alcuni antibiotici e farmaci prescritti per malattie croniche, o anche le colorazioni per capelli contenenti molecole irritanti e allergizzanti, tendono a sbilanciare e modificare lo stato del cuoio capelluto.

Fortunatamente, esistono soluzioni per lenire e prendersi cura del cuoio capelluto.

Partecipa ad un corso di caramelle gommose Glowing Hair per abbellire i tuoi capelli!

 

Consigli per prendersi cura del cuoio capelluto

 

Ecco alcuni consigli per prenderti cura del tuo cuoio capelluto e, quindi, preservare la bellezza dei tuoi capelli:

 

  • Utilizza prodotti per capelli adatti alle tue esigenze: la scelta dello shampoo è importante perché aiuta a liberare il cuoio capelluto da tutte le impurità accumulate (polvere, sebo, particelle di inquinamento, pelle morta, ecc.) in modo che possa respirare e mantenersi in buona salute. Questo prodotto va scelto in base alle proprie esigenze, ad esempio per eliminare la forfora o per lenire il prurito del cuoio capelluto. Qualunque sia la necessità, lo shampoo deve essere delicato e di buona composizione per non danneggiare o irritare ulteriormente il cuoio capelluto. Lo stesso vale per altri prodotti per capelli come balsamo o maschera.
  • Idrata bene le radici: proprio come la pelle, anche il cuoio capelluto ha bisogno di idratazione, soprattutto quando è secco. Per fare questo, puoi abbinare l'aloe vera, che idrata in profondità e combatte la forfora, con l'olio di jojoba che aiuta a regolare la produzione di sebo. Questa miscela deve essere applicata quotidianamente sulle radici dei capelli.
  • Effettuate trattamenti naturali: altri oli vegetali come l’olio di cocco o l’olio di ricino si rivelano utili nel combattere la forfora. L'argilla o anche l'aceto di sidro sono efficaci nell'assorbire il sebo in eccesso. Una volta alla settimana, si consiglia di applicarli sul cuoio capelluto come trattamento, per una durata di 30 minuti o anche diverse ore.
  • Esfoliare regolarmente: una volta alla settimana, si consiglia di esfoliare il cuoio capelluto prima dello shampoo per purificarlo, eliminare le impurità e ridurre il prurito e/o la forfora. È possibile fare da soli uno scrub, mescolando lo zucchero con olio vegetale (olio di argan o olio d'oliva per esempio).
  • Effettuare massaggi al cuoio capelluto: per sciogliere le radici dei capelli l'ideale è un massaggio cranico. Aiuta ad attivare la circolazione sanguigna del cuoio capelluto e a ripristinare la flessibilità. Il massaggio può essere effettuato con la punta delle dita, oppure con una spazzola da massaggio . Attenzione però, va effettuata con delicatezza per non provocare una sovrapproduzione di sebo.
  • Avere una dieta equilibrata: una dieta povera o carenze nutrizionali squilibrano e indeboliscono i bulbi piliferi. È quindi fondamentale avere una dieta equilibrata, che combini proteine, frutta e verdura, cereali, oli vegetali e semi oleosi, per fornire loro tutti i nutrienti necessari.

Délicure propone integratori alimentari “Capelli”, sotto forma di caramelle gommose vegane , con aromi naturali e 100% Made in France. Contengono vitamine (B6, B8, B9, B12 ed E) e oligoelementi (zinco e selenio) necessari per preservare la salute dei capelli, oltre al mirtillo che favorisce la microcircolazione del cuoio capelluto. Nutriti e idratati dall'interno, i capelli crescono più velocemente e più sani.

Se i problemi del cuoio capelluto persistono, nonostante le cure fornite, può essere utile cambiare stile di vita (dormire bene, fare attività fisica regolare, prendersi cura di sé, rilassarsi, ecc.). Se il cuoio capelluto presenta sintomi significativi, si consiglia di consultare un medico generico o un dermatologo che prescriverà un trattamento adeguato.

--

Guarda il nostro video sulle 9 migliori vitamine per i capelli:

Leggi anche

Adoptez les bons réflexes pour perdre du poids !
Minceur

5 consigli per perdere peso

Per molte culture, la magrezza è stata a lungo considerata un criterio di bellezza. Di conseguenza, alcune persone con chili di troppo tendono a creare complessi e a perdere fiducia in se stesse. ...

Per saperne di più
Découvrez les bienfaits de la biotine pour sublimer votre chevelure !
Beauté

I benefici della biotina (vitamina B8) sui capelli

La biotina, meglio conosciuta come vitamina B8, è una vera alleata per avere capelli da sogno. Infatti, questa vitamina magica è essenziale per la salute e offre numerosi benefici ai capelli.   ...

Per saperne di più