Vai al contenuto

le GIORNATE FRENCH sono quasi finite

Articolo: Capire la pelle

Apprenez à connaître votre type de peau pour en prendre soin !
Beauté

Capire la pelle

La pelle è l'intermediario tra il corpo e il mondo esterno. La sua condizione e il suo aspetto sono elementi evocativi dello stato generale di salute e di benessere di un individuo. Quando la pelle è sana, protegge il corpo da batteri e virus e ne regola la temperatura. Inoltre, appare riposata, idratata e la sua carnagione è uniforme.

Molti fattori interni ed esterni hanno conseguenze sulla salute della pelle e sul suo aspetto.

Per rimediare a questo, devi prenderti cura della tua pelle. È essenziale conoscerne la composizione, il funzionamento e le esigenze per scegliere i prodotti giusti, le routine di cura adeguate e adottare le azioni adeguate.

 

 

Di cosa è fatta la pelle?

La pelle è considerata un organo del corpo umano. È il più grande in termini di dimensioni e peso, infatti il ​​tessuto cutaneo rappresenta il 16% del peso totale.

Ad esempio, per un uomo adulto che pesa 70 kg, si estende su 1,8 m² e pesa circa 3 kg.

Lo spessore della pelle può variare in diverse aree del corpo. È più spesso alle mani e ai piedi (circa 4,7 millimetri) e più sottile sul viso (circa 0,12 millimetri).

La pelle è composta per il 70% da acqua, per il 25% da proteine, per il 2% da grassi e per lo 0,5% da sali minerali e oligoelementi. Tutti questi componenti sono distribuiti su tre strati di tessuti: l'epidermide, il derma e l'ipoderma.

 

 

Qual è la struttura della pelle?

La pelle è divisa in tre strati (epidermide, derma, ipoderma):

  • L'epidermide : è lo strato superiore della pelle che è a diretto contatto con le aggressioni esterne. Questa epidermide è ricoperta da una pellicola protettiva chiamata “film idrolipidico”. È formato da sudore, sebo e lipidi secreti ogni giorno dalla pelle. Il suo ruolo è quello di trattenere l'idratazione della pelle e prevenire l'evaporazione dell'acqua. Su questa epidermide si trovano anche microrganismi che garantiscono il buon equilibrio della pelle, la chiamiamo “flora cutanea”. Infine, l'epidermide è costituita da vasi sanguigni, il che spiega perché durante un piccolo taglio viene rimosso solo un piccolo strato di pelle e non c'è traccia di sangue.
  • Il derma: è lo strato più spesso e resistente della pelle. Inoltre contiene molta più acqua ed è più flessibile. In questo derma si trovano peli, ghiandole sudoripare che producono sudore, ghiandole sebacee che producono sebo e vasi sanguigni che forniscono nutrienti e cellule di difesa. Inoltre, protegge l'organismo grazie alla presenza di diversi tipi di globuli bianchi. Inoltre, il derma aiuta a nutrire e rifornire l'epidermide.
  • L'ipoderma : rappresenta lo strato più profondo e spesso della pelle. L'ipoderma è l'interfaccia protettiva tra il derma e i diversi organi. Contiene cellule adipose e adipociti. Poiché il grasso è considerato un isolante naturale, l'ipoderma funge da regolatore termico per proteggere dal freddo. Grazie al suo spessore importante, protegge e assorbe gli urti subiti dal corpo.

 

Quali sono le diverse funzioni della pelle?

È importante conoscere le diverse funzioni della pelle per comprendere meglio lo scopo di ciascun elemento:

  • La funzione secretoria: respinge, grazie alle ghiandole sebacee e sudoripare, tutti gli elementi che possono destabilizzare l'equilibrio interno (tossine, sebo, residui legati alle cure farmacologiche, ecc.).
  • Funzione sensoriale: la pelle è costituita da un gran numero di recettori nervosi che le conferiscono una funzione sensoriale. Questi reagiscono a diversi stimoli come il freddo, il caldo, il tatto o persino il dolore.
  • La funzione protettiva: protegge il corpo da tutti gli attacchi esterni (urti, attriti, prodotti aggressivi, inquinamento, temperature estreme, ecc.) della vita quotidiana. Aiuta a mantenere il corpo ad una temperatura di 37 gradi attraverso la traspirazione. Forma anche una barriera contro virus, batteri e microbi stimolando alcuni linfociti e globuli bianchi per garantire una buona difesa immunitaria.
  • La funzione emotiva: non lo sappiamo ma la pelle serve come mezzo di comunicazione, può infatti informarci sul nostro stato di salute e sulle nostre emozioni. Può diventare rosso in caso di disagio, diventare bianco in caso di malattia, opacizzarsi per la stanchezza, o addirittura rivelare occhiaie o imperfezioni.

Quali sono i diversi tipi di pelle?

 Esistono 4 diversi tipi di pelle: pelle secca, pelle normale, pelle mista e pelle grassa. Come accennato in precedenza, il tipo di pelle dipende in particolare dal patrimonio genetico.

  • Pelle secca: non secerne abbastanza sebo. È quindi privo di lipidi essenziali per preservare il suo film idrolipidico e quindi proteggersi bene dalle aggressioni esterne.
  • Pelle normale: è la pelle più “equilibrata”, non è né troppo grassa né troppo secca. Tuttavia, la zona T (fronte, mento, naso) potrebbe risultare un po’ grassa.
  • Pelle mista: lo riconosciamo dal fatto che il tipo di pelle è diverso a seconda delle zone del viso. In generale, la zona T è grassa e il resto del viso è normale o secco. La zona T produce troppo sebo mentre il resto del viso, al contrario, ne è privo.
  • Pelle grassa: questo è il tipo di pelle che produce una quantità eccessiva di sebo, la chiamiamo “seborrea”. La pelle brilla di più, quindi i pori sono dilatati e più visibili.

Quando si tratta di pelle sensibile, in realtà non si tratta di un tipo di pelle. Può essere secco o oleoso. Ma è più reattiva e soggetta a irritazioni e arrossamenti perché l'epidermide non è in grado di proteggerla sufficientemente dalle aggressioni esterne.

Qualunque sia il tipo di pelle, devi sapere che il suo stato di salute può variare a seconda di diversi fattori a cui va incontro.

 

Quali sono i principali fattori che influenzano la pelle?

  • Patrimonio genetico: determina il tipo di pelle nonché il suo invecchiamento biologico. Può anche implicare una predisposizione alle malattie della pelle.
  • Ormoni: i cambiamenti ormonali possono portare all'acne durante la pubertà, oppure aumentare la produzione di melanina e creare una forma di iperpigmentazione (melasma) durante la gravidanza. Per quanto riguarda gli ormoni osteogenici, hanno un effetto benefico sull'equilibrio idrolipidico della pelle. Tuttavia, quando diminuiscono durante la menopausa, la pelle perde la sua struttura. Infine, lo stress rende la pelle molto più sensibile, più fragile e meno resistente ai radicali liberi. Provoca la produzione di cortisolo, un ormone che colpisce il sistema immunitario dell'epidermide. Ciò può danneggiare la funzione protettiva della pelle e causare reazioni allergiche, invecchiamento cutaneo, secchezza, comparsa di rughe o macchie pigmentarie.
  • Clima e ambiente: innanzitutto i raggi UV hanno un impatto significativo sulla pelle. I radicali liberi sono molecole aggressive responsabili del processo di ossidazione dei tessuti che danneggia le cellule. Possono quindi portare ad un invecchiamento precoce della pelle. La pelle poi è sensibile anche alle temperature e alle loro variazioni. Il freddo provoca il fenomeno della vasocostruzione (regolazione termica delle arteriole cutanee periferiche che indirizza il flusso sanguigno verso il sistema venoso profondo). Il freddo impedisce la secrezione delle ghiandole sebacee ma provoca l'essiccazione della pelle. Al contrario, quando fa caldo e umido, le ghiandole sudoripare producono più sudore. La pelle diventa quindi umida e lucida.
  • Attacchi chimici: leggermente acida (pH 5), la pelle è sensibile agli agenti detergenti aggressivi (ad esempio sodio lauril solfato) che mettono a dura prova le sue naturali capacità di neutralizzazione. Le sue cellule vengono danneggiate e la sua funzione di barriera protettiva (a livello dell'epidermide) perde la sua efficacia. La pelle può quindi diventare molto secca e ipersensibile.
  • Dieta: se equilibrata, aiuta a mantenere la pelle sana. Infatti, alcuni squilibri possono causare, ad esempio, l’acne. L'acqua svolge anche un ruolo importante per l'elasticità e l'idratazione della pelle. L’assunzione di integratori alimentari può essere efficace per aiutare a mantenere una pelle normale. Délicure propone una gamma di caramelle gommose vegane e naturali, ricche di vitamine (B6, B8, B9, B12 ed E) e minerali ( zinco , selenio), che agiscono su capelli, unghie e pelle.

 

 

 

Quali sono le principali malattie della pelle?

I fattori sopra indicati possono causare malattie della pelle. Quasi tutti gli individui, nel corso della loro vita, hanno dovuto affrontare la comparsa di macchie, arrossamenti o pruriti sulla pelle.

Ecco le malattie della pelle più comuni:

  • Eczema: questa è la malattia della pelle più comune. Può colpire tutte le parti del corpo e si manifesta con prurito, arrossamento, vesciche o vesciche. Questa malattia è favorita dalla pelle secca.
  • Rosacea: abbastanza comune, colpisce solo il viso. Questa malattia può manifestarsi con arrossamento, minuscoli vasi sanguigni rotti, piccole protuberanze rosa piene di pus, gonfiore intorno agli occhi, palpebre dolorose o addirittura ispessimento della pelle del naso.
  • Infezioni fungine della pelle: sono caratterizzate da eruzione cutanea squamosa, pruriginosa, infiammazione e scolorimento della pelle . Questi includono il piede d'atleta, la tigna e l'intertrigine .
  • Psoriasi: è una malattia autoimmune che si riconosce dalla comparsa di chiazze rosse e squamose. Provoca dolore e gonfiore nelle articolazioni colpite .
  • Herpes zoster: viene diagnosticato in seguito ad un'eruzione cutanea rossa, maculata e dolorosa. È spesso visibile sul petto e sullo stomaco, oppure sul viso, sugli occhi e sui genitali. L'eruzione cutanea può apparire come vesciche che pruriscono e trasudano.
  • Acne: riconosciuta dalla comparsa di brufoli, questa malattia è legata all'infiammazione delle ghiandole sebacee sottocutanee . Appare più spesso sul viso, sul petto e sulla schiena. Può colpire tutte le età ma è più spesso dovuta alla pubertà e alle sue variazioni ormonali.

Se compaiono sintomi indicativi di una malattia della pelle, dovresti rivolgerti rapidamente a un medico o un dermatologo che ti prescriverà un trattamento appropriato.

Leggi anche

Existe-t-il un lien entre le stress et la chute capillaire ?
Beauté

Quali sono i legami tra stress e caduta dei capelli?

Lo stress è uno stato di reazione dell'organismo sottoposto ad un attacco destabilizzante . A volte lo stress è troppo forte o ricorrente, il che stimola il corpo a reagire in modo eccess...

Per saperne di più
Astuces pour avoir des ongles éclatants
Beauté

Come avere unghie bellissime?

Le unghie, come i capelli, riflettono il nostro stato di salute. Avere delle belle unghie spesso si riferisce ad una manicure, ma non solo, significa avere unghie naturalmente lucide, dure e bianch...

Per saperne di più