Vai al contenuto

Articolo: Il CBD è legale in Francia?

Le CBD est-il légal en France ?
CBD

Il CBD è legale in Francia?

Il CBD , o cannabidiolo, gode ancora oggi di uno status abbastanza vago per quanto riguarda la legge francese.

Cosa dice la legge francese:

Il diritto positivo francese in materia è in fase di modifica, poiché la normativa applicabile a priori, vale a dire l'ordinanza del 22 agosto 1990, che attua l'articolo R5132-86 del Codice di sanità pubblica sulla cannabis, e come interpretata dalla circolare del Ministero della Giustizia n. 2018/F/0069/FD 2 del 23 luglio 2018 relativo al regime giuridico applicabile agli stabilimenti che offrono prodotti a base di cannabis in vendita al pubblico, prevede che solo le fibre e i semi di canapa possano essere utilizzati commercialmente. Poiché in queste parti della pianta il CBD è presente solo in piccole quantità, viene estratto principalmente dai fiori.

Un chiarimento grazie all’Europa:

 Tuttavia, molti stati membri dell’Unione Europea autorizzano la produzione e la commercializzazione di integratori alimentari a base di Cannabidiolo, e risulta che il divieto francese potrebbe scontrarsi con la libera circolazione delle merci, un principio immutabile dell’Unione Europea.


È in queste condizioni, poiché la commercializzazione di prodotti a base di CBD è aumentata in Francia negli ultimi 3 anni, che la Corte d'appello di AIX-EN-PROVENCE ha posto una questione pregiudiziale alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea il ricorso di due persone condannate a 18 e 15 mesi di reclusione con sospensione della pena, nonché a 10.000 euro di multa, per violazione della legislazione francese e in particolare del decreto del 22 agosto 1990.

Questi due individui hanno quindi presentato ricorso alla Corte d'appello di AIX-EN-PROVENCE, che ha messo in dubbio la conformità della normativa francese con il diritto dell'Unione europea.

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata in una sentenza di principio del 19 novembre 2020, che si applicherà a tutte le giurisdizioni e le legislazioni degli Stati membri.

La Corte di Giustizia Europea nella sua sentenza ricorda che il divieto posto dallo Stato francese alla commercializzazione di prodotti a base di CBD può contrastare con il principio della libera circolazione delle merci nell'Unione Europea, dal momento che il CBD non può essere considerato un stupefacenti (infatti, la normativa applicabile agli stupefacenti può ovviamente consentire, per ragioni di sanità pubblica e di ordine pubblico, un attacco alla libera circolazione delle merci).

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea nella sua sentenza ribadisce la definizione delle nozioni di “droga” o “stupefacente”, e il CBD non è espressamente coperto da nessuna delle convenzioni delle Nazioni Unite applicabili alla specie, quella sulle sostanze psicotrope e quella altro sugli stupefacenti.

Un’interpretazione estensiva della seconda convenzione (quella sugli stupefacenti) potrebbe lasciare il CBD nella categoria degli stupefacenti come estratto della Cannabis.

La Corte europea rileva, tuttavia, che questa interpretazione estensiva sarebbe contraria allo spirito generale di questa convenzione e al suo obiettivo di tutelare la salute (fisica e morale) dell’umanità.

La Corte rileva quindi sovranamente che “allo stato attuale delle “ conoscenze scientifiche ”, e a differenza del Cannabiolo tetra idro comunemente chiamato THC , che è un altro cannabinoide della canapa, il CBD in questione non risulta avere effetti psicotropi o di dipendenza , né effetti dannosi sulla salute umana.

In queste condizioni, la Corte ritiene che la normativa francese sia contraria alla libera circolazione delle merci, poiché la libera circolazione del CBD non può essere messa in discussione dalla legislazione specifica di uno Stato membro nella misura in cui non può essere considerato uno stupefacente.

La normativa europea prevede altre eccezioni alla libera circolazione delle merci, quando lo Stato membro che l'ha limitata giustifica uno dei motivi di interesse generale elencati nei Regolamenti europei, come l'obiettivo di "tutela della salute pubblica", invocato dalla Francia, ma a condizione che tale regolamento sia "idoneo a garantire il raggiungimento di detto obiettivo", e non vada al di là di quanto necessario per il suo raggiungimento .

Quest’ultima valutazione è una valutazione sovrana di ciascuno Stato membro.

Ciò premesso, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea fornisce al riguardo due indicazioni consentendo di ritenere che nella fattispecie la normativa francese non potrebbe fondarsi sull’obiettivo di tutela della salute pubblica e costituire quindi un’eccezione al principio di la libera circolazione delle merci.

La Corte rileva quindi, in primo luogo, che il divieto francese di commercializzazione non colpisce il CBD sintetico che ha esattamente le stesse proprietà del CBD naturale, il che porta a ritenere che la normativa francese non sarebbe in grado di raggiungere questo obiettivo in modo coerente e sistematico. obiettivo di tutela della salute pubblica.

Situazione attuale :

 La Francia, spinta dall’Europa e dalle varie sentenze rese, potrà finalmente fare chiarezza e regolamentare concretamente la commercializzazione del CBD. È quindi in preparazione un disegno di legge che ratificherà una volta per tutte la legalità di questa molecola. Precedenti casi legali hanno ormai reso la vendita di CBD completamente legale sul territorio francese, tuttavia è necessario prestare molta attenzione per garantire che:

- il prodotto che stai commercializzando non contiene THC, o in quantità molto piccole (inferiori allo 0,5%).

-Non creare confusione nell'opinione pubblica tra CBD e Cannabis, la cui commercializzazione è severamente vietata data la sua classificazione come narcotico.

Ritrova serenità e positività con i prodotti CBD di Délicure

I prodotti CBD di Délicure

Délicure offre prodotti CBD garantiti senza THC e fabbricati in Francia con CBD di alta qualità, proveniente da canapa europea. Questi si presentano sotto forma di caramelle gommose al CBD, caramelle al CBD e oli al CBD.

Caramelle gommose al CBD: ricche di CBD e vitamine, fonti di energia, le caramelle gommose al CBD aiutano a calmare il sistema nervoso e rilassare il corpo. Le caramelle gommose sono molto facili da usare, basta masticare da 1 a 3 caramelle gommose al gusto di limone per beneficiare delle virtù del CBD.

Caramelle al CBD: disponibili nel gusto miele e in quattro gusti senza zucchero (menta, ribes nero, menta e mela), le caramelle al CBD sono vere e proprie prelibatezze gourmet da sciogliere in bocca per beneficiare degli effetti rilassanti del CBD. Il loro formato pratico e divertente ti permette di portarli ovunque con te per goderti una pausa rilassante in ogni momento della giornata.

Oli CBD : mirati a diversi obiettivi (stress, sonno e dolore), questi oli CBD sono dei veri alleati quotidiani. Supportati dall'olio di avocado biologico e di mandorle dolci, questi oli CBD si distinguono dagli altri oli presenti sul mercato a base di olio di cocco raffinato (olio MCT). Bastano poche gocce di olio per rilassarsi molto velocemente.

I prodotti Délicure CBD sono riservati agli adulti; Si consiglia alle donne incinte e alle persone che assumono farmaci di consultare il proprio medico prima del consumo.

--

Guarda il nostro video sulle 8 domande più frequenti sul CBD:

Leggi anche

CBD ou cannabidiol est une molécule extraite de la plante de chanvre
CBD

Cos'è il CBD?

Cos'è il CBD? Da diversi anni vediamo spuntare ovunque prodotti contenenti questa misteriosa sigla, ma cosa significa questo termine? CBD significa “cannabidiolo”, è una molecola che fa parte della...

Per saperne di più
Comment sont fabriqués les gummies ?
Immunité

Qual è la composizione delle caramelle gommose?

Il termine “ gummies ” potrebbe essere tradotto come “gommose” o “caramelle gommose”, è un nuovo formato che rende divertente e pratico l'assunzione di integratori alimentari.     Il form...

Per saperne di più