Vai al contenuto

le GIORNATE FRENCH sono quasi finite

Articolo: Consigli antistress naturali

Soulager votre stress naturellement avec ces tips !
Stress

Consigli antistress naturali

Lo stress è oggi, tra le altre cose, uno dei principali fattori di cattiva salute cronica. Indipendentemente dall'età, dal sesso, dall'attività, dalle situazioni vissute o dalla categoria socio-professionale, tutti prima o poi sono colpiti da una forma di ansia o di stress intenso. Inoltre, il fenomeno tende a peggiorare nel tempo, sia nella vita personale che nel lavoro. Ma nel concreto, molto spesso è complesso o restrittivo riuscire a fermare questa spirale infernale e ritrovare calma e serenità. In definitiva, come puoi combattere lo stress in modo naturale nella tua vita quotidiana oggi?

 

 

  • Definizione rapida di stress

Lo stress, spesso combinato con una forma di stanchezza e ansia, è generalmente definito come una “reazione nervosa e psicologica in risposta ad uno shock, a qualsiasi aggressione del corpo”. Lo stress è quindi a livello fisiologico, legato a diverse zone del corpo. Le cause dello stress e i suoi fattori aggravanti possono quindi riguardare diverse origini o situazioni: stress fisiologico, stress legato all’ambiente di lavoro, stress legato all’ambiente familiare o intimo, stress legato a qualsiasi imprevisto, ecc…

Innanzitutto la sfera cerebrale, cioè il buon funzionamento e il buon riposo del cervello, viene immediatamente influenzata dal vostro stato di stress. Da notare anche ogni cambiamento: difficoltà di concentrazione, perdita cronica di memoria, visione alterata, dolori lancinanti alle tempie, a volte anche emicranie o, nei casi peggiori, febbre.

Quindi, anche la sfera digestiva è uno dei primi luoghi in cui si avverte lo stress. Infatti, tutto ciò che riguarda il sistema digestivo è gestito direttamente dal cervello di cui abbiamo appena parlato, il che farà sì che il tuo corpo abbia troppo acido gastrico. Qualsiasi cambiamento può essere collegato anche a stress, mal di stomaco, dolori o crampi intestinali, gonfiore o, nel peggiore dei casi, ulcere.

Infine, va monitorato l’aspetto complessivo del corpo e della mente. Qualsiasi cambiamento fisico, anche il più piccolo, aumento o perdita di peso, perdita di capelli, sudorazione eccessiva, problemi di attenzione, problemi di sonno o anche perdita di desiderio e motivazione, persino depressione.

Da un punto di vista fisiologico, lo stress incide su queste diverse “sfere” morfologiche in tre fasi principali distinte, ciascuna delle quali presenta i propri sintomi. I medici hanno teorizzato tre “fasi” successive di comparsa e sviluppo dello stress nell’individuo:

 

 

* Fase di allarme

In questa prima fase, dove compaiono i primi segni e stigmate dello stress, gli organi vitali per la sopravvivenza avranno la reazione di recuperare tutta l'energia presente nel corpo, e reindirizzarla verso gli organi necessari alla lotta, alla fuga, alla sopravvivenza: il cervello, il cuore e i muscoli. In questa mobilitazione e reindirizzamento, il corpo secernerà due ormoni principali in modo rapido e massiccio: l’adrenalina e il cortisolo. Come una sorta di anticipazione dello stress intenso che si avvicina, l'organismo prepara il corpo a resistere, in particolare accelerando il battito cardiaco e la respirazione e migliorando la concentrazione cerebrale, visiva e sonora.

 

 

* Fase di resistenza

In questa fase in cui persistono i segnali di stress, il corpo può entrare in quella che chiamiamo “resistenza”. Vale a dire, si prepara a lottare per ristabilire l'equilibrio. La produzione di cortisolo viene quindi aumentata e vengono secreti diversi neurotrasmettitori (come la dopamina o la serotonina). In questa seconda fase l'organismo reagisce ancora allo stress in modo positivo, cioè “stimolante”.

 

 

* Fase di esaurimento

Se lo stress persiste, il corpo utilizzerà le sue risorse fino a quando le riserve del corpo non saranno completamente esaurite. In quest’ultima fase, i livelli di serotonina e dopamina sono al minimo, ma i livelli di cortisolo rimangono elevati prima di crollare anch’essi gradualmente. Il paziente cade quindi in uno stato di intensa stanchezza, stanchezza cronica, forte irritabilità o stato depressivo.

 

 

Alcuni consigli per alleviare lo stress in modo naturale.

Consigli pratici per combattere lo stress

Ora che sai come individuare lo stigma e i sintomi del basso stress e che puoi misurare il loro impatto sul corpo e sulla salute, vediamo come provare a fermare il fenomeno.

Lo stress quindi generalmente ha un impatto sul nostro peso, sulla nostra forma e sulla nostra determinazione, è molto importante non abbandonare del tutto le attività fisiche. È quindi necessario, per quanto possibile, continuare l'attività fisica e privilegiare gli spostamenti a piedi o in bicicletta.

Alcune pratiche sviluppate di recente possono anche aiutarti molto a mantenere una salute stabile. Tra questi ricordiamo l'ipnosi, la soprologia, varie forme di yoga, la chiropratica, o ancora più semplicemente tutti gli esercizi di respirazione (regolazione addominale, toracica, cardiaca).Se questo tipo di attività vi risulta complicato, ecco alcuni consigli pratici da applicare su su base giornaliera:

* Ricordati di respirare bene, con calma, in modo completo e regolare.

*Cerca di considerare il più possibile l'aspetto positivo degli eventi o degli ostacoli che si presentano.

* Valuta la possibilità di anticipare i tempi di lavoro e di riposo organizzando il tuo programma in modo preciso, organizzato e con largo anticipo.

*Incorpora regolari momenti di riposo durante la giornata e ricorda di mangiare bene.

* Fornire una quantità di sonno sufficiente, regolare e quanto più indisturbato possibile.

* Cerca di non reagire mai velocemente agli eventi, impara a fare un passo indietro e analizza tutto attentamente prima di iniziare a stressarti o reagire.

 

 

 

  • Integratori alimentari, soluzioni naturali antistress

Nonostante gli sforzi intrapresi, è possibile che per alcune persone queste “soluzioni naturali”, questi consigli pratici quotidiani siano rilevanti ma tuttavia insufficienti. Attualmente sono disponibili molti tipi di prodotti estremamente salutari per aiutare la tua salute in difficoltà. Tra questi, gli integratori alimentari (oli essenziali, compresse, caramelle gommose, ecc.) sembrano essere una delle soluzioni migliori, specializzati per superare una particolare carenza. Naturalmente, per le persone in condizioni più urgenti, che necessitano soprattutto dell'assistenza di un medico o di uno psichiatra, è obbligatorio il monitoraggio medico, talvolta con prescrizioni farmaceutiche e trattamenti cosiddetti “pesanti”.

Tra gli integratori alimentari, quelli contenenti piante cosiddette adattogene appaiono oggi come i più indicati ed efficaci nel contrastare lo stress (il suo aspetto, il suo mantenimento, il suo sviluppo, ecc.). Le piante adattogene sono piante officinali, particolarmente utilizzate in erboristeria, che hanno quindi valenze “adattogene”. Vengono generalmente definite come “piante che possiedono sostanze farmacologiche in grado di conferire all'organismo un'aumentata resistenza, consentendogli di respingere eventuali attacchi”. Ciò può riguardare il livello di stress, sforzi intensi o eccezionali del corpo... Una pianta adattagena ha quindi un effetto diretto sullo stress, sui suoi segnali e sintomi, sul suo livello e sul suo aumento.

Alcune piante adattogene sono note da tempo (oli essenziali) come particolarmente efficaci per la salute, soprattutto in caso di stress, grazie alle loro proprietà. Tra questi ricordiamo principalmente la rodiola, il basilico santo, lo zafferano e il guaranà.

Da qualche tempo si sono aggiunti altri criteri medico scientifici affinché una pianta possa essere propriamente qualificata come adattogena. Questo deve infatti ora aumentare la resistenza complessiva dell'organismo in modo specifico, ma avere anche un'azione normalizzante a livello fisiologico per facilitare una risposta adeguata allo stress, e infine non essere tossico.

Al giorno d'oggi, molti integratori alimentari sono composti principalmente da piante adattogene con l'obiettivo di ridurre lo stress e l'ansia. La rodiola e il basilico santo ( ocimumtenuiflorum ) sembrano tra questi i più appropriati perché sono i più rilevanti.

La rodiola ( rhodiola rosea ) agisce infatti come ansiolitico e antidepressivo naturale. Aiuta infatti a mantenere il cortisolo entro valori fisiologici e blocca la distruzione della serotonina e della dopamina (che sono, ricordiamolo, gli ormoni del benessere). La Rhodiola è quindi perfettamente indicata per attacchi di stress, ansia , disturbi dell'adattamento che generano ansia, nonché depressione (lieve e moderata). Questo è anche, in misura minore, il caso del basilico santo.

Lo zafferano ( crocus sativus ) e il guaranà ( paulliniacupana ) sono più interessanti ed efficaci in caso di calo del morale legato ad ansia temporanea, ad esempio legata a una delusione, una brutta notizia, un incidente o uno stress latente. Lo zafferano in particolare ha un ruolo neuroprotettivo che agisce sul declino cognitivo, in particolare nelle persone soggette a malattie neurodegenerative, come ad esempio l'Alzheimer.

Délicure propone nella sua gamma un integratore antistress perfettamente indicato: “Absolute Relaxation” . Si tratta di un integratore che, come tutte le altre gamme della marca: prodotto in Francia , senza glutine, 100% vegano, con deliziosi aromi naturali, non testato sugli animali e confezionato in imballaggi riciclabili! Le caramelle gommose sono composte da una lega di gaba, basilico santo, rodiola, zafferano e vitamina B6, per proteggere il sistema nervoso, ridurre i livelli di stress e favorire il rilassamento!

 

 

 

Una molecola sembra ideale anche per la gestione dello stress: CBD, délicure propone un'ampia gamma di prodotti CBD: le nostre caramelle gommose CBD , ricche di CBD e vitamine, le nostre caramelle CBD senza zucchero o con miele francese, divertenti e pratiche per una pausa rilassante dalla quotidianità. life o i nostri oli CBD mirati allo stress, al sonno e al dolore.

 

 

Lo sapevate ?

La rodiola è una pianta di montagna, a volte chiamata “borracina rosa”, “radice d'oro” o anche “ginseng della tundra”. Il suo nome deriva in realtà dal leggero e delicato profumo di rosa che le sue radici emanano quando vengono appena tagliate. Cresce nelle regioni fredde (Asia, Siberia, Scandinavia, Nord America, ecc.) e talvolta si sviluppa fino a 4000 m di altitudine. Crescendo, la Rhodiola è una pianta che si adatta e diventa sempre più resistente agli attacchi dell'ambiente (condizioni climatiche, erbe infestanti, attacchi vari, ecc.).

È stato utilizzato per lungo tempo in molteplici situazioni e contesti, in particolare fin dall'Antichità e dal Medioevo, ed era talvolta chiamato “radice d'oro”. Sappiamo oggi che i Vichinghi lo usavano per compensare i cali di forma e di morale e per rigenerarsi il più rapidamente possibile e per dare loro coraggio e ardore in ciò che intraprendevano. . Questa pianta del Circolo Polare Artico era una delle loro principali “medicine” quotidiane.

Leggi anche

Découvrez le pouvoir des plantes adaptogènes pour réduire le stress !
Stress

Piante adattogene e stress?

Lo stress è oggi uno dei principali fattori di cattiva salute cronica che colpisce tutti i livelli della società e tutte le categorie della popolazione. Ma sapevate che alcune piante hanno proprie...

Per saperne di più
CBD ou cannabidiol est une molécule extraite de la plante de chanvre
CBD

Cos'è il CBD?

Cos'è il CBD? Da diversi anni vediamo spuntare ovunque prodotti contenenti questa misteriosa sigla, ma cosa significa questo termine? CBD significa “cannabidiolo”, è una molecola che fa parte della...

Per saperne di più